Come scrivere un articolo in ottica SEO

scrivere in ottica seo

Tabella dei Contenuti

Investire tempo ed energie per scrivere un articolo di 2000 parole e caricarlo su un sito web non è sufficiente a garantire un posizionamento ai vertici di Google: è necessario seguire alcune linee guida, come avviene in quasi tutte le cose che facciamo. 

Ecco otto regole fondamentali per scrivere testi seo ottimizzati per i motori di ricerca.

8 regole per scrivere un articolo SEO

Partiamo dalla regola n°1 per la scrittura in ottica seo di un contenuto che si posizioni sui motori di ricerca.

Regola numero 1 , scrivi testi utili e di qualità

Fino a qua era ovvio, ma cosa si intente per utili e di qualità?

Partiamo dal fatto che la qualità in questo campo è soggettiva

Per me, un articolo è di qualità se spiega l’argomento nei minimi dettagli

Per altri potrebbe essere un articolo che chiarisce subito l’argomento e per altri ancora un articolo con un video allegato che approfondisce l’argomento. 

Ciò significa che quando scriviamo un testo seo, questo deve servire a risolvere un problema o a soddisfare la sete di conoscenza del lettore.

Più modi diversi riusciamo ad utilizzare per spiegare l’argomento più la qualità percepita da Google aumenta.

Se inseriamo un video nell’articolo dove ad esempi spieghiamo come utilizzare il prodotto o servizio che offriamo ci aiuta sia dal punto di vista di metterci la faccia (aumenta la fiducia dell’utente) sia dal punto di vista di tempo di permanenza su quella pagina.

Quest’ultimo è anche un segnale utilizzato da Google per capire se la pagina è pertinente e interessante per la query.

Regola numero 2, metti le keyword nel posto giusto

La Kw principale dovrebbe essere inserita nei seguenti punti:

  • La keyword del tuo articolo deve essere nel tag title della pagina, il più a sinistra possibile,
  • deve essere dentro il tag h1
  • In un sottotitolo h2
  • deve essere contenuta nei primi paragrafi dell’articolo 
  • deve essere ripetuta nel corpo del testo, a metà e alla fine
  • deve essere contenuta nel titolo e nell’alt tag di una sola immagine
  • deve essere nello SLUG della pagina (slug = URL per WordPress)

È fondamentale includere parole chiave correlate e sinonimi in aggiunta a questi punti.

 Questo sottolinea l’importanza di condurre una ricerca sulle parole chiave in anticipo, invece di scrivere qualsiasi cosa ti venga in mente.

Due regole da rispettare sono di scrivere in maniera naturale la kw, senza nessun tipo di forzatura e non bisogna riempire come un tacchino il testo con la parola chiave.

Il keyword stuffing non esiste più da decenni. 

Un titolo “Sudafrica viaggi, i migliori viaggi in Sudafrica”, oltre ad essere innaturale ha la ripetizione del termine Sudafrica e viaggi, è sbagliato, Google considererà spam questo articolo. 

Un titolo corretto sarebbe:

  • “viaggi in Sudafrica: scopri i nostri tour nel paese arcobaleno”
  • “viaggi in Sudafrica su misura”
  • “viaggi in Sudafrica offerte di capodanno”

etc.

Regola numero 3, crea una struttura gerarchica

La gerarchia gioca un ruolo fondamentale nel migliorare la leggibilità e la logica dei contenuti per il lettore e permette ai motori di ricerca di comprendere meglio il contenuto della pagina web.

  • Aggiungi titoli e sottotitoli per suddividere l’argomento in più paragrafi
  • Utilizza in maniera corretta i tag h1, h2, h3 

Il tag h1 è il titolo principale dell’articolo, deve essere unico e deve descrivere il contenuto che l’utente andrà a leggere.

Il tag h2 è un sottotitolo dell’argomento e deve stare sotto il tag h1.

Il tag h3 deve stare sotto il tag h2.

Con un esempio è tutto più semplice.

  • h1 > come preparare la cheesecake
  • h2 > ingredienti della cheesecake
  • h2 > come cucinare la cheesecake
  • h3 > cucina al forno 
  • h3 > cucinare in padella
  • h3 > cucinare con il micro onde 

e così via. 

La struttura deve anche seguire una sequenza logica, h1 in alto, h2 sotto h1 e h3 sotto h2

Mettere prima un h2 poi un h1 poi un h4 poi un h3 solo perché li utilizziamo come stile del carattere è un errore. 

Per gestire lo stile grafico delle pagine esiste il CSS.

Regola numero 4, formatta il testo

Se scrivi 2583 parole senza suddividere il testo, finirai per trovarti di fronte al cosiddetto “muro di testo”. Hai mai ricevuto una relazione di 17 pagine o un PDF di 10 pagine di solo testo? 

La voglia di leggerlo è zero 0.

Questa è la stessa cosa che succede ad un lettore se si trova davanti ad un articolo senza formattazione. 

Potresti aver scritto anche l’articolo più interessante del mondo, ma ci scommetto il mio pc che nessuno lo leggerà. 

La formattazione quindi è molto importante, ecco alcune semplice regole che puoi utilizzare subito.

  • Frasi corte non più lunghe di 20 parole, se devi superare le 20 parole fai attenzione a non superare 3 righe di testo.
  • Lascia spazio tra ogni riga, titolo, sottotitolo etc. 
  • Inserisci delle immagini pertinenti per aiutarti nella divisione del testo seguendo le linee guida viste nel paragrafo precedente
  • Usa grassetto e corsivo per enfatizzare parti dell’articolo.
Testo non formattato
Sezione di questo articolo non formattato

Regola numero 5, lunghezza dell’articolo 

Quanto deve essere lungo l’articolo?

Google già da diversi anni ha dichiarato che non esiste una lunghezza in termini di parole per l’articolo perfetto. 

In media, i primi 10 risultati della SERP contengono circa 1.451 parole. 

Questo indica che ci possono essere pagine con testi più o meno lunghi. 

Tuttavia, cercare di ottenere un certo numero di parole comporta il rischio di allungare inutilmente i contenuti e a Google questo non piace. 

Pertanto, è importante tenere presente la lunghezza del testo, ma non a scapito della qualità dei contenuti.

Se vogliamo allungare il brodo creiamo un altro articolo e linkiamoli tra loro. 

La lunghezza degli articoli deve corrispondere alla soddisfazione dell’Intento del Ricercatore; pertanto, alcuni argomenti richiedono molte parole, mentre altri ne richiedono meno.

Regola numero 6, scriviamo una conclusione

Ad un articolo non deve mancare una conclusione.

Possiamo mostrare il risultato che si ottiene seguendo quello che abbiamo scritto.

Possiamo trarre le nostre conclusione con la nostra visione sull’argomento appena trattato.

Possiamo dare altri piccoli suggerimenti, delle chicche che mettono la ciliegina sulla torta. 

Regola numero 7, invoglia il lettore a compiere un’azione al termine della lettura

Quella che in gergo si chiama Call to Action o CTA.

Può essere di qualunque tipo, una richiesta di preventivo, un inviato a commentare l’articolo, un inviato a condividere l’articolo, scaricare un documento etc. 

Se abbiamo scritto un articolo su come pulire delle scarpe in pelle possiamo mettere il risultato finale.

Regola numero 8: Above the fold

Sito web realizzato da Federico Porta Studio legale Acquaviva Canzi
Il contenuto di questa pagina è chiaro

Ti è mai capitato di andare in edicola e vedere tutti i giornali piegati in modo da poter vedere solo una parte della copertina? 

Questa è la cosiddetta sezione Above the Fold

È un’area cruciale perché è la prima cosa che l’utente vede quando arriva sulla pagina, quindi deve essere impeccabile. 

L’area deve contenere il titolo dell’articolo o un’immagine d’impatto o addirittura entrambi. Il suo obiettivo è quello di invogliare il lettore a continuare a leggere il contenuto.

Conclusione su come scrivere in ottica SEO

Tutte queste tecniche di scrittura seo possono essere utilizzate per ogni pagina di un sito web non solo per gli articoli del blog. 

Soprattutto la regola 2, 3 e 8 sono molto importanti per quelle pagine che riteniamo poco importanti, ma che in realtà sono fondamentali come la pagina contatti.

Se questo articolo ti è stato utile oppure pensi che possa essere utile a qualcuno che conosci condividilo, a te non costa nulla e me aiuta tantissimo.

Grazie Federico Porta consulente SEO

Quanto è stato utile l'articolo?

Clicca sulle stelle per votare!

Voto medio 0 / 5. Numero di voti: 0

Non ci sono ancora voti!

Federico Porta Consulente SEO

Federico Porta Consulente SEO

Mi piace fotografare il mondo che mi circonda e ascoltare la musica con le cuffie.

"L'ignoranza si manifesta con l'uso di troppe parole". (Ezra Pound).

Altri articoli che potrebbero interessarti